se non hai niente di carino da dire, non dire niente.

settembre 02, 2015

Lo dice sempre mia mamma ed è diventato un po' il mio modus vivendi.
Esprimere un'opinione educata è doveroso, ma esprimerla SEMPRE non è necessario.
Io sono profondamente annoiata da chi ha un parere per tutto: politica, costume, educazione... c'è chi si sente costantemente in diritto di parlare, in nome della libertà di parola. 
Probabilmente sta gente ignora che la loro libertà finisca dove inizia la mia e che esistano confini.
Facciamo rientrare in questa categoria anche quelli che sottolineano l'ovvio dicendo: ma sei dimagrita? Ma sei ingrassata? Ma hai fatto qualcosa ai capelli?
Vogliono un premio per il miglior osservatore del secolo?

Ma tutti sti espertoni si chiedono se la loro opinione sia indispensabile?
E lo scopo ultimo di certi commenti è sempre educare-migliorare-informare l'altro oppure è solo sfoggio inutile di cultura e competenza da due soldi o ancora peggio tentativo di mortificare ?
Usare la terminologia "critica costruttiva" è l'alibi perfetto per dire sempre quello che passa per il cervello, anche se di costruttivo non c'è nulla.

Questa breve riflessione mi è venuta guardando una foto di David Beckham (tocchiamo sempre livelli altissimi qui su Simply V.) sul suo IG.
La foto in questione è in sostanza un titolone del Daily mail sotto il quale David (santo subito) tiene per mano Harper e la piccola ha il ciuccio.
Il titolone spara a zero sul fatto che la bambina, a 4 anni, ancora succhi il ciuccio.




Ovviamente non è un articolo di "Io e Mamma" e nemmeno un saggio sulla puericoltura, ma solo un pretesto per cricare i genitori che permettono ad una bambina ormai grande di indugiare in un vizio da piccola.
E io mi son chiesta: e allora??
Che ne sappiamo noi del perchè questa ciucci ancora?? E del perchè glielo facciano fare? E del momento in cui lo fa e di quanto lo tiene in bocca?
E' un po' il solito discorso delle star che ingrassano, dimagriscono, si stempiano, si tatuano etc...
Sono sotto i riflettori e devono accettare tutto, ma i figli sono un'altra cosa.

David esclama a gran voce:


E' ovvio che lui e Victoria siano superstar e che lo siano anche grazie ai tabloid, ma ci sono argomenti che sono più delicati o semplicemente lacunosi in fatto di dettagli, che potrebbero tranquillamente essere evitati.

Pensiamoci, quali reazioni dovrebbe suscitare la foto di Harper e David?
- David fichissimo, ti amo
- Carina Harper e che fico David, ti amo
- Harper ha ancora il ciuccio??????!!!!!!!!!!!!! Oddio ma quei due sono due pessimi genitori, non lo sanno che il palato, i denti, la faccia, la mandibola e quant'altro potrebbero essere seriamente compromessi da quel gesto ignobile del succhiare un pezzo di gomma? Io sì che sono una madre meravigliosa (e comunque David ti amo, scegli me, che il ciuccio non lo considero).
- Guarda un po' anche Harper ha il ciuccio, allora mi consolo, non sono solo io a non essere riuscita a levarglielo.
- E allora, ha il ciuccio? Avrà i suoi buoni motivi per averlo.

Ecco... le madri sicuramente si ritrovano nelle ultime 3 opzioni.
Ma le madri che io detesto (e lo so che detestare è un verbo forte), sono proprio quelle che salgono in cattedra.
Davvero pensano che la loro opinione sull'uso del succhiotto sia indispensabile per David e Victoria, che loro non sappiano già quali siano i rischi e che non li abbiano calcolati (ricordiamo che Harper è la quarta di 4 figli...)?
E traslando questo discorso nel nostro mondo, ogni critica di questo genere quale scopo ultimo ha?
Sentirsi madri migliori, perchè in fondo nessuna di noi possiede il manuale di istruzioni e quindi quando ne azzecchi una vuoi che il mondo lo sappia e ti faccia un applauso di 35 minuti?
Alzi la mano chi è madre e non si è sentita fare le seguenti domande (da chicchessia, da madri conoscenti, la passanti, da parenti, da amiche):

Ma tua figlia:

- non è troppo piccola/grande?
- non è troppo grassa /magra?
- non mangia le verdure?
- non cammina ancora?
- non parla ancora?
- non parla male?
- cammina di già che poi le si rovinano le anche?
- usa ancora il pannolino? 
- bagna ancora il letto?
- non porta scarpe poco adatte?
- non mangia troppe schiefezze?
- non assume troppi zuccheri?
- non sorride poco?
- non è troppo coperta?
- non è troppo scoperta e poi prende freddo?
- non l'hai vaccinata contro la peste bubbonica?
- non le hai comprato l'ultimo ritrovato per la deumidificazione delle stanze?
- non è troppo grande per il lettone?
- non è troppo grande per la luce accesa?
- non è troppo piccola per lo sport?
- non sa ancora leggere?
- non sa ancora scrivere?
- ma già si trucca?
- ma la vesti di bianco che poi si sporca?
- ma la vesti di nero che è un colore triste?
- ma dice le parolacce?
- non parla ancora mandarino?
- non è ancora etoile alla Scala?
- non ha ancora conseguito una laurea alla Normale? Diamine ha già 5 anni!

Ecco.
Che tipo di risposte possono volere le persone che ti fanno queste domande.
Perchè domande non sono. Sono asserzioni giudicanti, ma fatte in modo pseudo-gentile.

Il mio trucco è quello di sembrare sempre una che sa il fatto suo, una che fa le cose per una ragione e non perchè sta brancolando nel buio, sembrare inattaccabile.
Poi però vado a casa e mi infurio e magari piango... perchè noi mamme siamo fortissime, ma anche fragili. Pure Victoria. Pure di più.




Altri post che potrebbero interessarti

9 commenti

  1. I LOVE YOU TOO!

    Manu

    RispondiElimina
  2. il problema è che certe domande non le fanno solo le mamme saccenti ma anche le nonne, le suocere, le zie, le amiche (o presunte tali). credo che ciascuna di noi sia brava a fare la madre con il proprio figlio e non possa permettersi di giudicare le altre attraverso queste "asserzioni giudicanti". e noi da parte nostra dovremmo imparare a non soffrire quando qualcuno, senza nessuna qualifica, si permette di giudicare il nostro "operato".
    i love DB & tutta la family!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me una mamma che segue il suo istinto non sbaglia (quasi) mai.
      Santo cielo me la sono portata in pancia per 9 mesi per poi non essere responsabile??
      Hai ragione, dovremmo imparare a non soffrire, è l'unica via d'uscita.

      Elimina
  3. E la mia Aurora ciuccia il pollice.... Che faccio? Amputazione???
    Post da stampare e appendere alla porta di casa, anzi da vestircisi....
    Baci, Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come ho potuto dimenticare il pollice!
      Grazie Angela, baci anche a te!

      Elimina
  4. La mia non ha una sorellina/fratellino, imperdonabili entrambe direi ...
    mi accodo ai precedenti I love you
    Merygubs (la ns Alexia sta benissimo)

    RispondiElimina