corsi e ricorsi o delle cartelle di cuoio

febbraio 12, 2013


Ho abbastanza anni da iniziare a vivere i RICORSI della moda e inizio anche a dire quelle frasi da anziana tipo: eh, non inventano più niente di nuovo...

Vorrei parlarvi quindi delle cartelle in cuoio o satchel o batchel che dir si voglia.

A Natale mia zia mi ha chiamato per sapere dove poterne trovare una da regalare a sua nipote e io ovviamente ho pensato subito alle Cambridge Satchel.
I miei occhi erano ancora pieni di loro, dopo la trasferta londinese e quindi il rimando è stato facile e veloce.
Proprio a Londra pensavo che non sarebbe stato male prenderne una, piccola, magari in un colore insolito, come il blu elettrico o il rosa... Ma poi ho desistito perchè se non sono riuscita a sfruttare una Alexa, figuriamoci cosa potrei fare con una cartellina shock (ma mai dire mai... e poi vorrei sapere da voi CONTA COME BORSA?).
In ogni caso proprio cercando quella per Beatrice mi sono trovata a fantasticare un po' e a studiare un pochino la situazione celebrities/blogger + Cambridge Satchel:

Alexa chung con una Cambridge Satchel blu - con iniziali

Hanneli Mustaparta con Cambridge Satchel gialla fluo

Insomma una robina proprio carina, poco impegnativa e sufficientemente particolare da dare una svolta ad un look.
Nella versione di Alexa si inserisce in un contesto molto semplice fatto di un parka (o forse è solo un giubbottone verde, mah...), una sciarpa in tartan classico e sotto magari un vestitino sfiziosetto di quelli a cui Alexa ci ha abituato.

La versione di Hanneli è proprio un'altra cosa e mi sembra anche meno spontanea. Se devo essere sincera Alexa me la vedo che se ne va in giro con la sua Satchel navy, ma Hanneli, oltre alla foto di rito, forse forse non la usa poi tanto.

Tornando a noi.
Essendo Beatrice una studentessa di liceo, non voleva certo una cosa piccola o esageratamente particolare.
Voleva la classica cartella di cuoio, quella da alternare allo zaino, che diciamocelo è uno degli oggetti più brutti mai creati, ma così comodo da essere indispensabile.
E lì ho pensato ai miei 17 anni.... e signori e signore... nel 1993 mia nonna mi regalò:


Ero innamorata di questa cartella, al punto di utilizzarla anche quando non era proprio il caso (vedi il lunedì con versione di latino o di greco e altre 2 materie con relativi libri e quaderni... LEGGI ALLA VOCE "LORENZO ROCCI" VOCABOLARIO DI GRECO).
Mia nonna me l'aveva comprata da Scarabillo un negozietto che c'era (e magari c'è ancora) in via Padova a Milano e mi aveva reso l'adolescente più felice del mondo.
La qualità è ottima, mai un cedimento e i segni di usura sono quelli che la rendono vissuta e viva.


Tenendo conto che ha 20 anni (più di quanti ne abbia Beatrice), direi che si è mantenuta bene.
Salvo imprevisti, fra circa 15 anni mia figlia potrebbe passare la fase: MAMMA VOGLIO LA CARTELLA DI CUOIO PER ANDARE A SCUOLA e salvo imprevisti io potrei estrarre dal cilindro questa bellezza...
E lei la rifiuterà e ne vorrà una nuova, solo sua e della marca che andrà di moda nel 2028.
E a me toccherà comprarla, perchè con gli adolescenti non si può ragionare!


PS: Per onor di cronaca Beatrice ha acquistato questa:

Cambridge classic satchel

Altri post che potrebbero interessarti

14 commenti

  1. alexa....alexa....proprio non riesco a farmela piacere come it-girl.....

    p.s. fai tornare la rubrica della borsa please!ciao vale!

    Y.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo che torna... almeno una volta alla settimana!

      Elimina
  2. Bellissima la cartella che ti ha regalato tua nonna! Ottima anche la soluzione per tua cugina .... Alexa è sempre magnifica, e il color navy dona tantissimo alla borsa.

    Kelly 77

    RispondiElimina
  3. che bel post! :-) ritaV

    RispondiElimina
  4. Ciao!Io ne avevo comperata una per l'università ad un mercatino dell'usato a Milano..sono passati circa 15 anni da quando (stanca di utilizzarla) l'ho regalata a una mia cugina. A Natale 2012 l'aveva a tracolla...

    RispondiElimina
  5. Ciao Vale
    che marca è la lampada? grazie :) Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Michela, è una Bourgie di Kartell.

      Elimina
  6. la tua è stupenda! altro che Cambridge! non te la vedi addosso di nuovo, portata con nonchalance come fa la Alexa? o è troppo grande??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando l'ho rivista a casa di mia mamma mi è venuta voglia di usarla e così l'ho portata a Firenze...
      Effettivamente è un po' grande, ma non escludo che per un pomeriggio in centro possa diventare la mia compagna di giochi!

      Elimina
  7. A me ricordano tanto le cartelle di Nay Oleari, quelle da paninaro...

    RispondiElimina
  8. Io (alle medie) avevo proprio la cartella Nay Olerari blu elettrico con le apine fucsia ... ho cercato di usarla al liceo ma, come dici bene, il Rocci me lo ha impedito.
    Comunque, devo dire che Alexa mi piace ma che, se io mi vestissi mai come lei in questa foto, sembrerei una profuga ...
    Ilaria

    RispondiElimina
  9. IO avevo la piccola di Naj oleari... la adoravo.. ma come sempre mia mamma ha fatto piazza pulita... cmq la cambridge la adoro e prima o poi.. usala la tua, è bellissima!!!

    RispondiElimina