martedì 28 ottobre 2014

Un altro post sulle borse...


... e poi per un po' smettiamo, promesso!!

Mi è stata lanciata la "sfida" delle borse sotto i 500€ perchè in fondo siam bravi tutti a dar consigli e offrire segnalazioni su articoli senza limite di prezzo.
E siccome io amo le borse (le sfide meno, perchè non sono competitiva) ho fatto qualche ricerchina per voi (ma pure per me).

Devo ammettere di avere avuto soddisfazione in questa mia avventura.
Spendere meno, non significa necessariamente accontentarsi di qualcosa di meno interessante.
Possiamo anche scegliere qualche cosa a prescindere dal suo prezzo e questo qualche cosa essere meglio della proposta luxury.
Non per continuare a perseguitare il povero Karl, ma perfino Zara mi farebbe comprare qualcosa di più carino del suo cestino della spesa.


Inizio dal marchio sul quale mi è stato chiesto un parere: Gerard Darel.
Come spiegavo alla nostra amica in un commento, io possiedo da 24 heures da diversi anni (credo che siano una decina, forse poco meno), da quando Darel aveva un monomarca a Roma, in via Frattina, e pochi corner qua e là.
La borsa mi piaceva da matti, la chiamavano Charlotte, per via della testimonial e la campagna stampa era così francese che non poteva non conquistarmi:


Una gita a Roma e via, vista e presa.
Poco tempo dopo presi la Paddington di Chloè e mi trovai a pensare a quanto fosse simile la qualità (per 1/5 del prezzo), la grana della pelle, la morbidezza e anche l'occasione d'uso.
Insomma sono rimasta molto soddisfatta del mio acquisto.
Ora Darel è molto più comodo, penso che ogni Rinascente tenga qualcosa e soprattutto lo store on line è ben fatto e molto fornito, per cui chi volesse dare un'occhiata ne ha l'occasione.

Io vi propongo 2 modelli interessanti (oltre ovviamente alla 24 e alle 36 heures):

Buci - Nude - 450€

Borsa grande, design semplice e pulito, doppia zip, elegante e quotidiana.
Ci sono anche altri colori, tra cui il nero, rosso e un bel biscotto.

Poi sempre per la borsa da tutti i giorni, capiente, ma con gusto:

Le soho - 325€

Questa borsa è la classica shopper, possiamo trovarne di tutti i prezzi, da 10€ a Celine.
Mi sembra possa essere un ottimo compromesso e una garanzia di qualità e durata.
Questa è il modello che Celine definirebbe Vertical, poi c'è la Le Hudson che invece ha le maniglie più comode per essere portata a spalla.
Esiste in pelle, ma anche in tela e anche in una bella versione in lana grigia (come mi è parso di notare per Celine).
Per le amanti del genere c'è anche in Leopardato a 625€.

Passiamo ad altro.
Posso non citarvi Mansur Gavriel?
Siamo sotto i 500... ma non è facile da trovare! Ora Net a porter ne tiene una selezione, ma è quasi sempre sold out, conviene iscriversi per sapere quando arrivano le novità.
Io non amo i secchielli, per cui opterei per la shopper, ma ho sentito parlare bene anche del classico bucket, non così scomodo come sembra.

Large Bucket - 460€

A me piace moltissimo il colore e soprattutto il contrasto con la colorazione interna.
E siccome parlavo di shopper, vi metto anche quella:

qui


445€ per una borsa tipo Neverfull, ma di pelle. Non male.
Brandy e Avio per me è la combinazione più interessante!!

Rebecca Minkoff è sempre stata nel mio cuore.
Parliamo di prezzo buono, qualità buona e design abbastanza originale (ho visto una nuova tracollina che strizza l'occhio alla Boy, ma non rientra fra i miei gusti).

Io propongo la Mini Perry in color etoupe:


Se devo essere sincera questa mi piace da tanto, anche se contrariamente a quello che ho detto prima, mi richiama alla mente le shopper di Victoria Beckham.
Ma d'altra parte non è una linea complicata e tanto meno possiede segni distintivi, per cui mi auto assolvo (so essere molto indulgente).
Sempre sul genere, vi propongo anche la Amorous, uno dei classici di Rebecca:


qui

Bella soprattutto nei colori forti: arancio, blu elettrico, celeste o rosso.
Mini Perry e Amorous: 256€ (325$) + tasse.

Un marchio che finora vi ho proposto per le clutch (sempre nella mia lista desideri) è Claire Vivier.
Il sito dice: Clare Vivier marries classic French glamour and minimalist L.A. cool in a line of handbags and accessories that are at once utilitarian and stylish.
E infatti io ho trovato diverse cosine che hanno l'aria casual chic alla parisienne:


simple tote - qui
Questa è una simple tote. Costa 450$ e si può anche monogrammare.
Ci sono tanti colori, ci sono le righe e ci sono diversi materiali fra cui scegliere.
Sul genere tote vi segnalo anche la Sandrine, ma se siete stufe sempre di questo modello, vi indico questo:

Claire V. Constance

Si chiama Constance (sì, come quella là, più famosa) e costa 353$.
Si può mettere a tracolla, ma ha anche il manico per essere portata a mano.
E infine una variante delle famose clutch, la Goose clutch:

341$

E questa è ovviamente un'alternativa al gusto della Trio Bag.
Leggera, a tracolla, con doppia busta.

Veniamo a qualcosa di più noto.
Tory Burch.
Sempre tanto carine le sue proposte.

Io apprezzo molto la Mini Robinson in due colori:

qui

 E anche la Robinson con due cerniere (e qui vediamo il gusto della Disco Bag):


La prima viene 480€, la seconda 420€, ma mi permetto di segnalarvi:
- tanti modelli che costano anche meno sul sito ufficiale
- i saldi di gennaio (con tantissime cose che scendono del 50%)
- le proposte di "The outnet" tipo questa a 278€

qui

Sicuramente conoscete già tutte le classiche proposte di Marc by Marc Jacobs: Natasha, Hillier, Lil Ukita, Percy e Karlie... quasi tutte sotto i 500€.
Cercherò quindi di prescindere dai soliti bei modelli e proporvi cose diverse.
Questa ad esempio:

qui
Si chiama Annabel Half Pipe, è una tracolla di medio-grandi dimensioni (33x23x10) da portare comodamente da mattina a sera.
E' in pelle martellata molto morbida ed esiste anche in nero (ma ho visto foto in verde e celeste).
E poi un'altra novità più estrosa e particolare:


Sempre tracolla, bel colore, prezzo onesto 355€.
Si chiama Schooly Messenger e nella versione mini costa 100€ meno.

Per quanto riguarda Michael Kors (MICHAEL Michael Kors ovviamente), sono sincera, mi è passata la voglia.
Un paio di anni fa mi piaceva la Hamilton. La trovavo carina e da battaglia.
Ora ne vedo troppe e pur non essendo una che si fa influenzare da questo fattore (vedi alla voce Speedy) in qualche modo ho perso interesse.
Sono sempre dell'idea che la shopper della linea Jet Set Travel sia una valida alternativa alla Neverfull per chi non ha o non vuole spendere 855€ per una Vuitton, ma per quanto riguarda altri modelli.... non mi è facile proporre qualche cosa che mi piaccia davvero:

qui

Questa si chiama Vanessa costa 395 € e ve la mostro perchè non è rigida e sembra fatta di un pellame molto morbido.



Questa invece è la versione a tracolla della Hamilton e non mi sembra malvagia.
Mi sono scoperta innamorata delle borse a pattina.
La linea è essenziale e non ci sono pesantezze di catene e troppe finiture metalliche, per cui incontra il mio gusto.
250€ non sono tantissime per una borsa pass par tout.

qui

Non vi ho ancora proposto un bauletto e insomma non è da me visto che io amo i bauletti.
Lo faccio ora con questo di Diane Von Furstenberg.
Mi piace il colore sfumato e la linea morbida.



 Si chiama SMALL SUTRA e costa 380€. Indossato è anche più bello.

Una proposta sulla quale penso cederò anche io, perchè sono curiosa di provare la qualità e perchè mi ispira molto è la DOWNING TOTE di J Crew.

qui
Ho preferito una foto della borsa "in action" perchè mi sembra abbia più fascino.
Io costo è contenuto, 175€ + tasse (ma ora c'è il 25% sul prezzo pieno a 30% sul saldo e quindi costa anche meno) e io continuo a pensarci.
La trovate sul sito in tantissime varianti: https://www.jcrew.com/womens_category/handbags/totes/PRDOVR~A4399/A4399.jsp

Voglio finire questo post con alcune proposte dei marchi luxury che costano meno di 500€, giusto per accontentare, chi non si accontenta.



La prima è una Ruby di Jimmy Choo e costa 495€, la seconda è Ferragamo e costa 490 e infine c'è una pochette di Stella McCartney che costa 285 ed è una clutch con tracollina .
Sono piccoli sfizi, magari da usare in certe occasioni, ma possono regalare un po' di soddisfazione!

Spero di avervi dato qualche idea e adesso disintossiachiamoci dalle borse... davvero!

PS: Ovviamente il modo di spendere meno per avere borse firmate esiste, provate con Vestiaire Collective, Yoox o The OutNet, una botta di fortuna può capitare!
PS2: al momento su Monnier Freres c'è l'offerta di 100€ di sconto su borse da almeno 300€ e 200€ su quelle da almeno 600€ (i codici sono FALL100IT - FALL200IT). Non tutte le borse rientrano nella promozione, ma vale la pena dare un'occhiata (Valentino, Marc Jacobs, Darel e DVF ci sono!).





















giovedì 23 ottobre 2014

Attenzione, si parla di borsette e se ne parla tanto.

E' da un po' che rimugino sulla questione.
Insomma, la rubrichetta della borsetta era un appuntamento settimanale, sembravamo non averne mai abbastanza, sembravano esserci nuove cose meravigliose ogni giorno e poi?? Poi il baratro.
Poi più niente di assurdamente magnifico e desiderabile.
Ora, non voglio esagerare perchè saprei spendervi anche 10000€ in 5 minuti con la carta di qualcun altro, ma non trovo nulla che mi faccia sbattere la testa contro il muro per la frustrazione di non possederla.

Allora ho deciso di procedere da Vergine.
Prenderò ogni singolo (i più importanti) marchio e vi dirò quali, secondo me, sono le proposte più interessanti.

Quindi non parleremo di Classic box, di Sofia Coppola, di Galleria in saffiano, di Disco bag e di Nightingale.
Proviamo e troviamo qualche novità.

Ordine alfabetico che accontenta tutti...
Non credo che  Vuitton se ne avrà a male ad essere l'ultimo.


(Facciamo caso, con una mano sul cuore, come fino ad un paio di anni fa un migliaio di euro potevano garantirci una bella borsa duratura  e come oggi ce ne vogliano tranquillamente 1500/1600 per la stessa cosa... ).

Balenciaga.
Ghesquiere ha creato bisogni e necessità.
Difficilissimo replicare il successo della linea motorcycle.
Io ricordo (ormai una decina di anni fa) di aver letto uno spassoso articolo su Marie Claire in cui la redattrice raccontava la sua avventura per possedere una Twiggy (introvabile!) e di come le fosse capitata per sbaglio per le mani quella destinata a Gwyneth Paltrow.
Insomma quel friccicore lì io non lo provo più da tantissimo tempo. I tempi in cui creavo cartelle con tutte le Balenciaga di Nicole Richie sono proprio andati.
Comunque Wang è un furbetto per cui continuiamo a trovare variazioni sul tema, più o meno riuscite, e poi qualcosa di più pulito e meno lezioso, più alla Wang.
Io propongo per la prima categoria questa:

qui
Trattasi di una bella Shopper Papier in suede rosa antico.
La domanda sorge spontanea: ma la papier non era già una shopper? Avevamo bisogno di due cerniere e due alucce che ci dicessero che è grande e capiente?
Probabilmente no, ma piccoli cambiamenti delle volte possono anche servire a offrire una borsa più strutturata (vi risparmio la versione imbottita perchè per me è ANCHE NO).
Lascio a voi il giudizio.
Il costo è di 1545€.

E poi una BaleWang:

QUI

Trattasi di Padlock nude work.
Qui si vede Wang, perchè è pulita, geometrica, con poco spazio per i fronzoli (se per fronzolo intendiamo i manici in serpente blu).
Niente di rivoluzionario, ma molto gradevole.
Prezzo 1645€.

Celine
Phoebe è riuscita a piazzare sul mercato le ciabatte col pelo e le decoltee con le unghie smaltate... C'è dunque qualche cosa che quella donna non può fare per noi?
Non  credo.
Io sono sempre più contenta di non aver ceduto alla Trapeze, per come sono ora, la trovo ingombrante e pesante e mi piace anche poco quando la vedo a tracolla.
Se non posso citare Classic Box e Trio (ancora), vi butto lì una Phantom Cabas.


Io sono una grandissima estimatrice delle Cabas di Celine.
Per me sono l'eleganza da tutti i giorni.
A differenza di tutti gli altri modelli non sono pesanti, nemmeno all'apparenza.
Che ne pensiamo di quel cinturino nero?
Sarà mica il modo di Phoebe di strizzare l'occhio ai secchielli?
Per chi ama invece le cose più definite, più elaborate, vi ripropongo la Belt bag che mi piace per linea e per colore (soprattutto per quello interno, che non si vede).

Small Belt bag

Costo della Cabas 1100€
Costo della Belt: 1600€

Chanel
Tasto dolente ragazze.
Se togliamo la Boy, la Classic Flap e la 2.55 Reissue io non so proprio dove sbattere la testa.
Certo, Karl le ripropone sempre diverse, in colori e materiali nuovi, ma siamo sempre lì. Sempre loro.
Le cose nuove invece...

 
Ripetete dopo di me: O-T-T-O-M-I-L-A-T-R-E-C-E-N-T-O euro per un cestino della spesa.
Lo sapete, io degli scherzetti di Karl ne ho piene le tasche... Il cartone del latte a 3000€ o il vassoio per alimenti a 2450€ non mi fanno proprio ridere.
Ho cercato qualcosa di buono, ma non sono molto soddisfatta:


Flap, matelassè, ma con manico rigido.
Io personalmente non la comprerei, ma almeno non è una presa in giro da 2750€.

Chloè
Qui invece tante belle cosine interessanti.
Dopo i fasti della Paraty e della Marcie, ormai declinate in tutti i modi possibili e in tutte le dimensioni, c'è aria nuova.
La Drew si inizia a vedere in giro parecchio:


Ci sono molti elementi ben bilanciati: dettagli metallici, tracolla lunga, pattina e colorini sorbetto.
Non sono sicura che sia comoda, ma di sicuro non ricorda niente di già visto.
Non so se riuscirà a far scattare la febbre delle sue degne antenate (vedi alla voce Paddington), ma io apprezzo molto l'idea.
Sempre in casa Chloè voglio segnalare un altro paio di cose interessanti, che non presentano elementi di riconoscimento eclatanti e che quindi potrebbero garantire una presenza più duratura sul mercato e nell'armadio.

Baylee - Claire

Si chiamano Baylee e Claire e hanno colori magnifici, linee semplici e qualche dettaglio accattivante.
A me piacciono parecchio.

Prezzi:
Drew: 995€ la versione small con catena , 1250€ quella rosa in foto lì sopra, da 1900 in su per quelle in pellame particolare.
Baylee: 995€ la mini, 1400 quella in foto, da 1800 in su quelle con dettagli particolari.
Claire: 1750€ quella in foto.

DIOR
In casa Dior non si riesce a prescindere dalla Lady Dior, ancora molto in voga e molto carina, anche perchè può essere proposta in molti modi, che senza snaturarla, la rinnovano.
Cercando qualcosa di nuovo, vi segnalo quella che avevo notato in passerella tempo fa:


Si chiama BE DIOR ed è quella che vediamo nella campagna al braccio o nelle mani di Jennifer Lawrence.
Siamo sempre nell'ambito ladylike e mi piace.
Non sono riuscita a trovarne il prezzo perchè non è disponibile on line.
Tenendo conto che una Lady Dior medium è intorno ai 2500€ credo che non ci discosteremo poi molto.

Dolce & Gabbana
Amo tutte le ballerine della nuova collezione e credo anche che le borse proposte nelle ultime stagioni siano molto interessanti.
Avevamo parlato con piacere della Dolce bag e aggiungo che la Miss Sicily nelle dimensioni più contenute mi piace parecchio (la mini è un pasticcino).
I due ragazzi propongono questa, sempre sulla scia della borsa per la signora-bene:


Ma la chiusura con la catenella è utile oppure è solo ornamentale??
Comunque la proposta è buona, si chiama Monica e costa 1300€, esiste anche una versione a tracolla, ma mi sembra meno intrigante.
Bellucci ai piedi e Monica al braccio!!

FENDI
Per me in questo momento Fendi vuol dire BY THE WAY.
Ne avevamo già parlato, ma ora che la vedo nella campagna, ho visto i video e tutte le declinazioni, confermo la mia intuizione: è una figata!
960€ la versione più piccola (in foto) e 1350€ quella grande.

By The way in seppia - 960€

E nelle nuove proposte aggiungo anche la Demi Jour una bella borsa compatta e non troppo grande per chi non ama le imponenti 2jours e le 3jours:

Demi Jour -1250€



Givenchy
Lucrezia, Antigona, Nightingale, Pandora... Sono sempre loro i modelli di punta.
Notevole è solo la nuova Obsedia, che si chiama come la vecchia tracollina, probabilmente a causa della chiusura.


1690€ la versione small. 
E' una bella borsa e come tutte quelle sopra ha un che di aggressivo  (molto Tisci) su un disegno classico.
Non ne ho vista nessuna sulle celebrities, ma sarà questione di tempo e probabilmente North West ne ha già una per metterci la Fissan e un Pampers di ricambio.

Gucci 
Qui le novità e i restyling si sprecano. 
Basta dire Jackie e già si apre un mondo, in fondo stiamo parlando di un modello che risale agli anni '50 (come la 2.55... anni buoni quelli) e che nei 60 anni successivi è sempre stata presente in collezione.
Jackie, è ovviamente Jackie Bouvier  Kennedy  Onassis, una che sapeva il fatto suo.
Oggi mantenendo  un po' di quell'allure diventa soft, diventa pattina e diventa portafoglio, insomma diventa  una nuova JACKIE.
Il vecchio modello è sicuramente ancora interessante per chi ama le borse a spalla, soprattutto perchè i colori e i pellami sono fenomenali (meno il monogramma) e molto attuali.
Invece per chi come me non ama le hobo e preferisce le crossbody o le borse a mano, la nuova tracollina è un amore:

Borsa a spalla Jackie con pattina

Sembrano uguali, ma in realtà quella a destra è la vera e propria borsa, la seconda è una tracollina (lo chiamano portafoglio) deliziosa.
Io sto rosa lo trovo favoloso!!!
La prima costa 1750€, la seconda 750€.
  
Aggiungo per le amanti del genere shopper quest'altra reversibile che si chiama RAMBLE:

Ramble 1950€
 E' un po' come avere due borse, no??

Miu Miu
Ho dato un'occhiata a tutte le proposte e ho visto tutto e il contrario di tutto.
C'è il goffrato matelassè, ci sono le orribili biker, ci sono le pattine madras, insomma tutto insieme. Non c'è un vero e proprio filo logico, ce ne è per tutti i gusti.
Forse tutta questa proposta, nasconde però l'assenza di un modello di punta. 
La nuova Coffer non è ancora arrivata.

qui

Pelle morbida, linee semplici, dettaglio importante.
Niente male, ma nessuna tachicardia.
Forse preferisco una cosa del genere, alla modica cifra 1050€.

qui

Prada
Lo sapete io la Miuccia la capisco e interiorizzo con un certo ritardo, quindi perdonatemi se non ho trovato nulla di entusiasmante (oltre ai favolosi classici ovviamente).
Anzi, vi dirò, non sono nemmeno sicura se la mia scelta sia una cosa nuova oppure una cosa che già c'era... Sono pessima... (e che odio questo sfondo nero!!!)

2200€

Che mi dite?
Bella è bella... ma è una bella variante della solita shopper?
E questa?

2500€
Questa non la comprerei, non mi convince proprio.


Roger Vivier 
Non abbiamo mai parlato della Miss Viv, ma siccome non è nuova, non è questa la sede in cui discuterne (per inciso mi piace tanto).

qui

Io se vedo una fibbia rettangolare dico sì a priori.
Mi piace il materiale e questo grigio, che paradossalmente mi sembra caldo.
Si chiama Ines e quindi se qualcuno me la regala mi rende felice.
1600€ per un pezzo che durerà in eterno...


Saint Laurent
Non c'è più Yves e manco Stefano.
Hedi non si inventa cose pazzesche, ma pesca un po' nel classico.

qui
Ho come l'impressione di aver già messo questa borsa da qualche parte in questo post. Non pare anche a voi che sia simile a qualcosa già proposto da qualcun altro?
Insomma niente di stupefacente a parte il colore delizioso.
Si chiama Moujik e nella versione small costa 1490€.
Chissà come mai si chiama così?
Mi piacciono molto tutte le tracolline con le iniziali, ma non trovo che siano una grande invenzione, niente che non sia già stato sfruttato e visto.

Valentino 
Io prima o poi una Valentino la voglio, ve lo dico.
Tutto il mondo Rockstud è una favola. Mi piace da pazzi.
Cercando fra le novità, le Be Cool son stupende.

qui

Da 1800€ e 1980€ .
Il manico intracciato mi piace (ha un non so che di prezioso), dentro c'è un astuccio removibile, i colori sono bellissimi e si chiude con la cerniera.
Non è sicuramente qualcosa di mai visto, ma è un modello che mi comprerei volentieri e che lascerei a mia figlia in eredità... (e probabilmente lei la venderà su ebay appena ne avrà facoltà perchè magari diventerà una squatter).

Ma non ho finito con te Vale.
La stampa di punta di quest'anno si chiama Carmen ed è declinata su abiti, gonne, maglie e ovviamente scarpe e borse.
Non essendo un colore facile (c'è la possibilità che venga a noia... anche se è Valentino) io opterei per la tracollina più semplice che è più adatta ad essere vivace  e colorata!


Invece devo ancora maturare una vera opinione sulla Logo-go.
E' molto carina, ma mi si piazza nel segmento della Disco Bag e non sono sicura che mi piaccia di più.
Leggo che è una riedizione di un modello degli anni '80, ma ho come l'impressione che 1280€ per questa tracollina non li spenderei (con 100€ in più prenderei questa).

Vuitton
Mi piace sempre tutto e trovo che Vuitton sia sempre una bella garanzia... soprattutto in EPI:

Marly MM 1910€

La Marly in epi rosa è bella bella. (Ma è nuova o vecchia?)
Un po' seria, un po' da signora, ma senza dubbio di ottimo pregio.
Io quando vedo donne con queste borse non riesco ad evitare di fissarle.
Sono una stalker delle borse, mi piace tanto guardarle in azione!

Fra le creazioni da sfilata di Ghesquiere c'è la DOC Bag di cui anche la dottoressa Peluche ha bisogno!
Epi rosso e forma arrotondata. Sì, assomiglia alla Speedy, no, non è uguale.
La presenza del fondo tondo e di un solo manico sono le differenze più evidenti .




  Ma ho trovato qualcosa anche con il consueto monogram, perchè chi cerca trova!

qui




Ciao, vi presento Dora.
Dora è una ragazza in monogram e pelle, un po' Alma, un po' Speedy.
Se ne va in giro vitaminica e lussuosa e mi piace!
Peccato per i 2200€ che costa... 

Ho finito. Finalmente.
Non se la prendano Stella McCartney, Tod's, Jimmy Choo, Victoria Beckham, Bottega Veneta, Ferragamo, Mulberry, Marc Jacobs, Lanvin, Burberry e tutti gli altri che non ho citato.
Ci ho messo 3 giorni (ho Viola ammalata a casa) a scrivere questo post, ho dovuto per forza fare una selezione... Non mancherò di parlare anche di loro nelle prossime rubrichette.

Se avete segnalazioni, se ho dimenticato un pezzo pazzesco, se c'è qualcosa che vi piace da matti e che è una vera novità, condividete e raccontate, questo è il posto giusto, nessuno vi prenderà per pazze e monomaniache.   


lunedì 13 ottobre 2014

Qui Firenze, provincia cambogiana

Qui fa un caldo umido che ve lo raccomando.
Ci saranno 25-26 gradi... Non piove, ma continua a promettere di farlo.
Io non so se sono meteoropatica, ma se non lo sono, ci divento!

Oggi post un po' stanco.
Un post da lunedì mattina, un po' "hey prendiamocela calma".
Vi sparo un po' di cose che ho visto/pensato/letto.

1) Galliano da Margiela.
Personalmente, me ne frega poco.
Non sono un tipo concettuale e quindi Margiela con i suoi body nudi non mi ha mai avuto fra i suoi estimatori.
Mi chiedo che cosa possa fare Galliano in un ambiente del genere, ma solo la storia mi potrà rispondere.
Non vi nego che la faccenda che ha scatenato il suo licenziamento da Dior, io non l'ho dimenticata.
Tutte ci siamo ubriacate prima o poi, ma al  massimo abbiamo mandato sms stupidi a degli ex altrettanto stupidi, non abbiamo inneggiato a Hitler!
Lo so che gli eccessi sono tipici di un certo mondo, ma ci sono argomenti che non vanno toccati, MAI.

2) Aquazzura ha aperto a Firenze.
Negozio molto carino, scarpe nelle teche di vetro, piccoli capolavori in mostra.
Sono un po' perplessa sulla scelta del posto.
Mi spiego. Lungarno Corsini è centrale, molto centrale, tra Ponte Vecchio e Ponte S.Trinita (detto così sembra quasi che io mi sappia orientare in una città nella quale vivo solo da 8 anni!), ma lì c'è solo lui.
Ferragamo con le sue 23000 vetrine e il suo palazzo meraviglioso rimane indietro un bel po' e andare da Aquazzura, significa VOLERCI ANDARE.
Non so se mi spiego... Non ci si passa!
Forse un nome relativamente nuovo (in una città non esattamente aperta) poteva sfruttare la vicinanza con qualcuno di grosso e famoso.
Avete presente dove si trova a Londra Manolo Blanhik?
10 anni fa a Londra ci ero andata apposta con la cartina in mano... 
Non siamo a questi livelli di "segretezza", perchè in fondo sono 200 metri più in là rispetto a Tornabuoni, ma la volontà di andare a spendere 500€ deve prevalere sempre sull'occasione di innamorarsi di qualcosa in vetrina!

3) Sono stata da Zara di recente. Ho visto cose carine, ma ho visto anche cose che sul sito sembravano carine e poi al tatto erano terribili!
Lo scorso anno avevo preso on line una camicia con delle applicazioni per un'amica. La camicia era arrivata tutta rovinata perchè il peso delle applicazioni era eccessivo per il materiale della camicia.
Ho chiamato il servizio clienti (era il mio primo reso per capo difettato) e Pilar mi ha spiegato come fare.
Sono arrivata in negozio, ho reso quella rovinata e ho chiesto di vedere quelle in vendita. Tutte rovinate nello stesso modo. A mio parere invendibili.
Quest'anno devono aver capito l'antifona perchè per reggere le applicazioni su collo o polsini hanno usato un materiale pesantissimo e sinteticissimo!
Io ve le sconsiglio caldamente.

4) Sono stata da Cos.
Ho provato un po' di cose, ma non avevo tanto tempo e il mio obiettivo erano pantaloni, quindi ho provato a non deconcentrarmi.
Come fanno le magre vere a comprare da Cos??
Io ho provato xs e 34 e mi stavano e le 36 di alcune cose erano enormi.
A me fa piacere avere botte di autostima, ma gradirei anche riuscire a comprarmi qualcosa della mia misura!
Tutto ciò rende poi l'acquisto on line assai difficoltoso.
Comunque ho trovato il commesso più delizioso del pianeta... il classico che ti farebbe comprare anche le mutande con le bretelle se si impegnasse un po'!

5) Domenica mia figlia compie 4 anni.
Io 4 anni fa stavo per esplodere.

6) Ho visto un cappottino che mi piace tantissimo da Max & Co.
Non sono sicura che le forme a uovo o un po' abbondanti mi stiano bene, dovrei proprio provarlo!



Sembra così calduccino!!
In realtà ho visto anche tanta maglieria deliziosa, ma al momento questi 25 gradi mi fanno mancare l'aria.

7) Mi dite i modelli di questi jeans?
Io voglio qualcosa di relax, ma femminile...



Come sono i Mum?
PS: ma quanto sono giuste queste donne con la camicia azzurra e i jeans??

8) Credo di aver bisogno di un paio di decoltee nere a punta.

9) Devo tornare a fare un post sulle borzette.
Una gentile lettrice me lo ha chiesto e credo che sia giunto il momento di fare il punto della situazione!

10) Sono arrivata alla fine. Yeeee!!




lunedì 6 ottobre 2014

E anche questa volta le fashion week sono finite

Le avete viste le sfilate di Parigi?
Vi siete innamorate di qualcosa in particolare?
Io eleggo Chloè, Elie Saab, Valentino e Louis Vuitton, il mio quartetto del cuore.



Louis Vuitton ss 2015


Chloè SS 2015
Elie Saab SS 2015

Valentino SS 2015


Valentino ha fatto 79 uscite. Tutte bellissime. Non sapevo cosa scegliere. Guardatevele tutte e sospirate!
Elie Saab come al solito ha creato abiti da principessa Disney che se agli Oscar nessuna va vestita da Elsa di Frozen io mi arrabbio (Diane Kruger, capito?).
Chloè potrebbe spedirmi tutto e mi farebbe la donna più felice del mondo: bianco, pizzo, leggerezza... Una favola!!
Vuitton propone una donna meno leggiadra, ma mi affascinano tanto i volumi e i materiali. Non mi fa pensare alla primavera, ma mi fa pensare ad una donna per tutte le stagioni.
Insomma grandi cose a Parigi e qualche nota dolente.

Karl???
Sto parlando con te!
Ancora???
Ancora ci perculi??
Dai!
Hai creato 88 uscite (88!), qualcosa di buono e bello c'è, diamine sei Kark Lagerfeld, ma perchè hai tirato su il baraccone anche a sto giro??
Io voglio vestiti!! Io voglio Chanel! Non mi interessa Cara che urla al megafono, non mi interessano i palazzi e la strada che ti sei inventato, non me ne frega se hai richiamato Gisele e Caroline de Maigret, io voglio sognare!!!!!!


Non mi fare discorsi femministi, ti prego!
Sai chi era dalla parte delle donne? Beh Coco.
Le voleva belle e comode... le voleva nuove e le voleva indipendenti.
E non aveva bisogno di un manifesto!!



Se per Valentino ho fatto fatica a scegliere fra tante cose bellissime, qui ho faticato a trovare qualcosa che mi piacesse del tutto... se non è l'abito, son le scarpe, se non è la borsa, son le calze.
Insomma non sono soddisfatta.
L'ho detto!
Di nuovo.
Vedi tu, Karl.
Di Nuovo.



Tutte le foto vengono dal sito Style.com , i collage invece li ho fatti io.