Valentina e le cinture

febbraio 05, 2015

Questa storia trae le sue origini molti anni fa.
Il rapporto conflittuale fra me e le cinture ha inizio nel 1987.
L'estate del mio primo ciclo (annotatevelo).
Qualche mese prima, per Natale, avevo ricevuto una tamarrissima, costosissima e desideratissima cintura El Charro, di pelle marrone, con inserti dorati e ovviamente fibbia grande come una padella con al centro un turchese enorme.
Ero orgogliosissima della mia cintura, che portavo fiera nei miei pantaloni bianchi Americanino (hey, ma io portavo i pantaloni bianchi d'inverno a 12 anni!!! Me lo ero dimenticato!).
Tornando a quell'estate, ero in vacanza da mia zia e in un mercato rionale c'era una cintura simile alla mia e mia zia l'acquistò per mio cugino.
Una volta a casa, provata su mio cugino, la cintura era corta.
Ora parte la musica di "Profondo rosso" perchè l'idea balzana venuta a tutti gli adulti di casa (fra cui mia madre) fu: "perchè non diamo la cintura di Valentina a Massimiliano? A lei sta anche quella corta...".
Erano simili, ma non erano uguali.
La mia era vera e lo so che avevo solo 12 anni e quindi non dovevo essere fissata con queste cose, ma la mia era MIAAAAAA!!
Ho pianto? Probabilmente sì, nella solitudine della mia camera.
Ho rimesso la cintura corta? No, mai.

Con questa esperienza marchiata a fuoco nell'anima, non ho più avuto amore per le cinture, perfino per quelle costose.
Ho desiderato per qualche tempo la cintura di Hermes con la fibbia dorata, ma poi mi son detta: con quello che costa, riusciresti ad ammortizzarla??
Risposta: no.
Possiedo il minimo indispensabile: una Fendi nera liscissima, una sottile D&G e una check azzurra di Burberry regalatami da un'amica.
(Poi ho anche accumulato qualche paccottiglia, ma niente di interessante).

Riconosco però che una bella cintura, messa come si deve, riesca a reinventare un capo.
Uno chemisier con la cintura cuoio, un pantalone da uomo con una cintura femminile, o una camicia lunga legata in vita ad arte, possono essere davvero interessanti.
Convinta di ciò da sempre (malgrado il marchio a fuoco), ho avuto conferma quando, anni fa, comprando il trench di Burberry, sono stata legata come una salamino dal commesso che mi ha fatto vedere come allacciare con maestria la cintura.
Una figata. Sembravo anche più magra.

Quest'inverno (non ne sono sicura, ma io l'ho vista pochi mesi fa, per cui...) Louis Vuitton ha tirato fuori la cintura legata come una cravatta e ha avuto tutto il mio gradimento:

Costa circa un trilione di dollari, ma per essere bella è bella, no??

via Pinterest

Ora vi proporrò qualche idea su come portare la cintura non solo nei passanti e non solo in modo consono.


Adorabile il tono su tono, bon ton, con una gonna in pizzo!

Atlantic Pacific
Lo chemisier è perfetto: la morte sua!




Sopra la giacca mi piace molto, ma temo non sia facile, temo l'effetto pieghe e stazzonatura varia.
Se ne vedono tante anche sopra i cappotti, ma credo che ci voglia una capacità di styling che non sono sicura di avere.
Le vedo sulle voguette o sulle varie parisienne (quante ne sanno) e vorrei provare, ma poi credo di non avere il cappotto giusto e nemmeno l'allure.


via Pinterest
Una che non ha mai paura di esagerare con lo stile e riesce sempre a risultare misurata è la cara Olivia.
Perfetta sempre, pure troppo:


E anche qui con il cappotto:


Se volete invece esagerare, potete metterla anche sui pantaloni di maglia:



O fare mille giri sul tubino come in questa vecchia proposta di Ermanno Scervino.



Insomma, diamo libero sfogo alla fantasia, la prossima primavera potrà vederci tirar fuori le solite vecchie cose: mariniere, chemisier, camicia azzurra e farle nuove con una cintura.
Basta poco checcevò?





Altri post che potrebbero interessarti

5 commenti

  1. Io sono totally in love con le pubblicita' di burberry del trench primaverile scamosciato fermato con cintura di tulle..... Se avessi un po' di coraggio mi butterei!
    Amo molto gli abbinamenti "strani" ma purtroppo su di me non fanno lo stesso effetto......

    L

    RispondiElimina
  2. Io non sono capace di portare le cinture. E non ne trovo mai di giuste o sono lunghe o sono corte...un disastro...

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. ma quanto son fighe quelle francesi? anche quando portano stivaloni incredibili, che, con la minima malaccortezza, potrebbero essere inclusi nel kit della peripatetica, sanno essere raffinatissime!! #odiopuro e #amoreinfinito per la mantellina inutile e poco pratica

    RispondiElimina
  5. Olivia Palermo è sempre perfetta ... troppo perfetta!
    Le Voguette mi piacciono molto, con quello stile un po' aggressivo ma sempre dal sapore chic parigino (peripatetiche mi sembra un po' esagerata come definizione!!).
    Comunque io ho osato quest'anno la cintura sopra il cappotto (cuoio su blu) e sopra una giacchina molto avvitata e fa davvero una bellissima figura.
    Ilaria

    RispondiElimina